Novità
06/06/2018 - Automotive Dealer Day 2018
Obiettivo 2020: auto più sicure e meno inquinanti
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Elettrica, connessa, autonoma e condivisa; gli occhi della sedicesima edizione dell’Automotive Dealer Day sono tutti rivolti all’automobile del futuro e a un mercato, quello automobilistico, che in Italia nel 2017 ha sfiorato i due milioni di immatricolazioni con un aumento del 7,9% rispetto all’anno precedente. Dati incoraggianti sintomo di una crisi dell’auto ormai passata e che per il primo quadrimestre del 2018 continuano a dare timidi segnali positivi, con + 0,2% sul 2017.

Il Dealer Day, l’evento organizzato dalla società trevigiana Quintegia, da 16 anni a questa parte si pone un duplice obiettivo: da un lato fornire contenuti e soluzioni pratiche immediatamente spendibili in azienda, dall’altro presentare l’evoluzione dell’ecosistema automotive e dare stimoli volti a favorire l’innovazione, attraverso il passaggio da un orientamento al prodotto a quello al servizio, un focus sulla customer experience e la relazione e l’integrazione tra dimensione fisica e digitale.

In questo contesto si inserisce AsConAuto, l’Associazione Consorzi Concessionari Auto partner della kermesse veronese sin dal suo esordio. Con le sue nuove iniziative AsConAuto intende traghettare le concessionarie nel futuro trasferendo nell’attività una particolare attenzione al nuovo comportamento del consumatore e all’utilizzo ottimizzato della tecnologia.

Usato, post-vendita e nuovo restano capisaldi nell’attività dei dealer ma sono da riorganizzare e da gestire in modo originale attraverso l’ideazione e attuazione di strategie innovative.

Nasce così il Service Day che AsConAuto organizza sempre con la collaborazione di Quintegia.

Durante le giornate di Quintegia, una proposta molto interessante per ridurre in misura significativa l’età media del parco auto nazionale eliminando il segmento più vecchio, inquinante e insicuro è stata fatta da Michele Crisci, presidente Unrae, l’Unione degli importatori di vetture estere in Italia.

Crisci ha chiesto un bonus sul costo d’acquisto a chi cambia un’auto ante Euro3, ce ne sono in giro 7,6 milioni e hanno oltre 17 anni di età, comprando un usato di classe Euro5 o Euro6.

A Cura di: