Novità
04/05/2015 - Chi paga le auto distrutte l’1 Maggio?
Il punto dopo gli scontri di Milano durante il corteo NO EXPO
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

 

Comune, Regione Lombardia o Assicurazioni?

Se la vostra automobile rientra sfortunatamente tra le circa 50 distrutte o danneggiate durante il corteo NO EXPO del 1 Maggio a Milano per opera dei Black Bloc vi starete chiedendo come avere i soldi del risarcimento.

 

Quando non si viene risarciti.

E’ bene informarvi che non tutte le assicurazioni o pacchetti assicurativi coprono questo tipo di danno. La RCA obbligatoria, per esempio, prevede il risarcimento solo se il veicolo subisce danni in movimento, o in strada, urtati da un altro veicolo. Non è certo questo il caso. Viene naturale pensare allora alla polizza incendio e furto. Invece anche in questa circostanza le assicurazioni risarciscono solo se l’incendio si è sviluppato autonomamente ed inoltre il danneggiamento non è comparato al furto anche qualora l’auto fosse stata spostata e successivamente distrutta.

 

Dopo il danno la beffa.

Come se non bastasse alcune assicurazioni separano gli atti vandalici da quelli sociopolitici che comprendono: scioperi, tumulti popolari, sommosse, manifestazioni violente, atti di terrorismo, sabotaggio e vandalismo. Questo tipo di polizza fa parte di una garanzia accessoria e facoltativa, venduta spesso con la Kasko o pacchetti “all inclusive” e, ovviamente, andava stipulata ben prima degli spiacevoli eventi avvenuti durante la manifestazione No Expo. Se siete stati così previdenti ed avete sottoscritto questo tipo di copertura assicurativa, non dovete far altro che denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine ed allegare le foto dei danni subiti dal vostro veicolo.

 

La speranza.

La Regione Lombardia, nella persona del Presidente Roberto Maroni, ha dichiarato pubblicamente l’indomani degli scontri lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per risarcire i privati cittadini danneggiati durante il corteo ma le tempistiche, dovute dalla ricerca dei fondi e dai controlli che il comune dovrà effettuare, si annunciano bibliche; sperando sempre in una franchigia ed una valutazione del perito congrua al danno subito.

A Cura di:
Guarda la fotogallery