Prove
31/01/2017 - Citroen C4 Cactus Rip Curl
Un'australiana sul Cervino
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Con la C4 Cactus Rip Curl si è voluto prendere alla lettera il claim di Citroen ‘fuori dagli schemi’, perché portare sul Cervino una vettura nata dalla collaborazione tra Citroen e un’azienda australiana leader nel settore del surf suonava senza dubbio come una bella sfida. In questa versione speciale i designer francesi sono riusciti a conferire ancora più personalità a quello che, fino a oggi, è senza dubbio il crossover più egocentrico sul mercato. In che modo vi sono riusciti? Aggiungendo elementi distintivi legati al mondo dell’off-road, come le protezioni sottoscocca grigio satinate o le barre portaoggetti bianche sul tetto, che riprendono la colorazione delle calotte degli specchietti laterali.

Ma non solo, perché sulle strade innevate della Valtournenche un design rinnovato non basta: sono necessarie soluzioni tecniche adeguate. Ed è proprio qui che la Rip Curl sorprende, grazie al Grip Control: una soluzione di motricità rinforzata che attraverso un sistema antislittamento ottimizza la trazione delle ruote anteriori.

Tra i cinque differenti tipi di terreno selezionabili abbiamo testato l’efficacia del Grip Control in modalità neve, rimanendone piacevolmente sorpresi.  L’adattamento istantaneo di ogni ruota alle condizioni di aderenza della strada ci ha trasmesso serenità e sicurezza anche su pendenze e tratti tortuosi, e con gli specifici pneumatici Mud&Snow (fango e neve) montati di serie non abbiamo mai verificato perdite di aderenza in fase di partenza o frenata.

La C4 Cactus Rip Curl è disponibile soltanto nelle due motorizzazioni top di gamma, ovvero il BlueHDI da 100 CV e il PureTech da 110 CV. Potenze più che sufficienti per il crossover francese, che alle prestazioni ha sempre preferito il comfort di bordo. Nel nostro test abbiamo provato il propulsore benzina dotato di cambio manuale a cinque rapporti, in grado di toccare i 190 km/h e accelerare da 0 a 100 in 9,3 secondi, potendone apprezzare la silenziosità e la fluidità di marcia anche nelle salite più impegnative. La serie speciale Rip Curl si rifà all’allestimento Shine, il più alto della gamma Cactus, e ne riprende i principali contenuti tecnologici. Essendo però una versione particolare i prezzi risultano leggermente più alti: si parte da 20.300 euro per il motore benzina e da 21.650 euro per quello diesel.

A Cura di:
Guarda la fotogallery