Novità
17/07/2020 - Citroën C4
Liscia o elettrica
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Cancellate dalla vostra memoria l’ultima C4, la Cactus, già uscita dai radar mentre Citroën rinnovava la gamma a colpi di Suv. Il nuovo modello con la medesima sigla, presentato nei giorni scorsi in una videoconferenza, taglia qualunque parentela con il passato. Nasce da una progettazione audace e rappresenta una nuova tappa dello stile Citroën.

Nuova C4 è la fusione tra una Suv e una hatchback, cioè una berlina con portellone. Ha un assetto rialzato, con ruote di grande diametro, protezioni in plastica che seguono tutta la carrozzeria, una silhouette energica e aerodinamica e il lunotto molto obliquo che la fa sembrare una pantera pronta a scattare.

Dove vuole arrivare lo spiega, forte e chiaro, Vincent Cobée, direttore generale di Citroën: “L’obiettivo è un design più attuale, audace e accattivante, ma anche colorato e distintivo, un po’ come accaduto con il lancio della passata generazione di C3, fino ad arrivare a forme di mobilità più innovative, flessibili e pulite, come per esempio la urban car Ami 100 per 100 elettrica”.

Infatti la C4 del 2020 offre già al lancio una scelta molto ampia di motorizzazioni fra totalmente elettrica, benzina o Diesel per soddisfare le esigenze della maggioranza dei clienti. In pratica la forma non cambia, la sostanza sì.

Nell’abitacolo c’è molto tra passato e futuro. Al centro della plancia troneggia il display da 10 pollici sotto al quale si trovano i tradizionali bottoni per la regolazione del clima. Il tunnel centrale è smilzo e lo spazio per gli oggetti si rivela generoso e utile. Telefono, portafoglio, chiavi di casa, mascherina, occhiali, monetine, bottiglietta d’acqua trovano facilmente la loro destinazione.

Gli ambienti interni sono diventati una delle firme degli abitacoli Citroën e sulla C4 si può scegliere fra sei allestimenti diversi. I rivestimenti sono di tonalità sobrie o vivaci, le imbottiture e le impunture a vista dei sedili Advanced Comfort riprendono gli inserti colorati dei pannelli delle porte aumentando la sensazione di spazio. Nei posti posteriori ci sono bocchette d’aria climatizzata e prese Usb.

La gamma propone cinque motori a benzina e due Diesel, tutti omologati Euro 6D con Start&Stop e cambio manuale o automatico a otto marce. La versione elettrica, che si differenzia per alcuni dettagli dalle sorelle a combustione, utilizza un motore da 136 cv e 260 Newtonmetro di coppia alimentato da una batteria da 50 kilo Watt ora, per un’autonomia di circa 350 km. Scatta da zero a cento in 9,7 secondi e tocca i 150 km/h. I tempi di ricarica del pacco batterie da 50 kWh proposto dal gruppo Psa (Citroen, Ds, Opel, Peugeot) per le sue elettriche variano dalle oltre 24 ore della presa domestica ai 30 minuti per l’80% dell’energia con colonnine da 100 kW. Di serie, la vettura viene proposta con una WallBox, mentre il caricabatteria di bordo da 11 kW è opzionale.

Nuova C4 è lunga 436 cm, larga 180 alta 152 e offre una posizione di guida più alta, a quota 122 cm. A proposito di prezzi Citroen non ha fatto anticipazioni. Ha solo detto che tutta la gamma sarà “affordable”, cioè a prezzi accessibili, e che la C4 elettrica sarà prenotabile da fine estate e in commercio da fine 2020.

 

A Cura di: