Novità
17/04/2020 - Nissan Ariya
Vede l'invisibile
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

L’approccio pionieristico è stata la strategia vincente del marchio Nissan sin dalla sua nascita nel 1934. Un modus operandi che la ha permesso di diventare un punto di riferimento all’interno del mercato automobilistico giapponese e occidentale.

La storia recente vuole infatti che Nissan, con Qashqai, sia stata la casa che per prima ha creato il settore dei crossover e che, qualche anno dopo con le forme avveniristiche di Juke, abbia dato il via a un filone di vetture energiche il cui design richiama i manga giapponesi. Che dire poi delle diverse generazioni di Leaf, antesignana dell’elettrificazione?

Oggi la sua indole esploratrice torna preponderante e, nel momento in cui la mobilità a zero emissioni si espande a macchia d’olio in tutto il mondo, Nissan dà alla luce una nuova concept 100% elettrica. Si chiama Ariya e rappresenta il nuovo corso stilistico della Casa con un design essenziale e molto pulito.

Potendo rinunciare alla griglia anteriore perché non è più necessario raffreddare il motore termico, l’espressione frontale è affidata a un pannello dotato di un’innovativa texture 3D; per la sua realizzazione, i designer si sono ispirati agli scudi dei cavalieri che univano funzionalità e bellezza, con l’uso di materiali resistenti e decorazioni sinonimo di forza e prestigio. Allo stesso modo, la calandra del prototipo Ariya va oltre il suo esclusivo aspetto estetico. Alfonso Albaisa, Vicepresidente senior della divisione Global Design di Nissan, spiega: “In questo caso, si tratta di tecnologie evolute che aiutano Ariya a leggere la strada e a visualizzare ciò che il conducente non è in grado di vedere, rendendo visibile l’invisibile”.

All’interno l’abitacolo è spazioso e ricercato, ma minimalista. La plancia rinuncia a gran parte dei pulsanti a favore di uno schermo a sfioramento con comandi integrati che si illuminano quando il veicolo è alimentato; tutto è studiato per inserire il guidatore all’interno di un microcosmo futuristico

A colpire però è il suo genio tecnologico. Ariya è dotata della versione 2.0 del sistema di assistenza alla guida ProPilot che migliora la sicurezza e il comfort di guida perché assiste il conducente nelle fasi di sorpasso, cambio di corsia e nell’uscita da un’autostrada a più corsie. Tra le novità, il fatto che il ProPilot 2.0 consenta la guida autonoma senza mani sul volante lungo le strade a singola corsia, a patto che il guidatore mantenga l’attenzione sulla strada davanti a sé e sia pronto a riprendere immediatamente il controllo manuale del volante nel momento in cui lo richiedano le condizioni della strada, del traffico e del veicolo.

Il concept Nissan Ariya fa tornare con la mente al film “Navigator” degli anni ’80: il protagonista, David, attraverso una lussuosa navicella spaziale si spostava da una dimensione spazio temporale all’altra… chissà se anche Ariya possa portarci nel futuro al più presto facendo superare al mondo intero questo difficile periodo.

 

A Cura di: