Novità
02/05/2019
Seat TGI: profumo di metano
Il look sportivo nasconde un’offerta vantaggiosa
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Le alimentazioni alternative diventano di anno in anno una scelta sempre più popolare. Nel 2018 le vendite delle auto a metano in Europa sono triplicate, ritagliandosi di fatto una buona fetta di mercato. Ed è proprio a questa clientela che Seat si rivolge, con la nuova gamma Tgi. Tre le auto che compongono la famiglia a gas sono: la Arona, prima Suv al mondo alimentata a metano, la citycar Ibiza e la vettura di classe media Leon nelle versioni cinque porte compatta e familiare.

Il tre cilindri turbo da 1 litro equipaggia Arona e ibiza, con un’unica potenza di 90 cv, mentre la Leon è disponibile esclusivamente con il quattro cilindri turbo da 1.5 litri che invece sviluppa 130 cv. Il vantaggio che accomuna le tre auto è sicuramente l’attenzione all’ambiente e l’economia di esercizi

Queste nuove Seat sono state progettate per offrire la doppia alimentazione con un chiaro vantaggio nei confronti del metano. Tanto che il serbatoio della benzina è di dimensioni ridotte e ospita pochi litri di carburante, mentre le tre bombole nascoste nel pianale ospitano tra i 14 e i 17 kg di metano e che con pochi euro regalano una buona autonomia. Su prodotti come Ibiza e Arona, destinati maggiormente alla città, l’autonomia totale è di circa 510 km, 360 se invece esclusivamente a gas.

Per quanto riguarda Leon invece l’autonomia sale a 580 km, dei quali 440 solamente in modalità a gas. La doppia alimentazione è disponibile su tutti gli allestimenti, compreso il più sportivo “FR”. Proprio su questa versione Seat lancia la sua offerta promozionale con prezzi inferiori a quello di listino: Ibiza e Arona Tgi sono disponibili rispettivamente a 15.400 e 17.900 euro, mentre per Leon il prezzo sale a 21.250 euro in versione cinque porte e 22.000 per la station wagon.

 

A Cura di:
Guarda la fotogallery