Safe‐Drive Guida ai Motori torna ad occuparsi di rispetto ambientale con la quarta edizione dello Speciale Green Town. Sullo sfondo della Milano di Expo 2015 la redazione ha provato sette vetture molto diverse sia dal punto di vista funzionale sia meccanico, con propulsori interamente elettrici, bi‐fuel benzina‐metano, ibridi benzina‐elettrico o diesel‐elettrico. Non esiste una soluzione ottimale, o meglio, tutte le proposte hanno caratteristiche vincenti ma diverse, ognuna consona alle più svariate esigenze.

 

Viaggi in famiglia o trasporti di materiale, percorrenze per lo più urbane o a lungo raggio, prestazioni o comfort sono tra le principali variabili che le autovetture devono soddisfare. Per fare questo, assieme all’abbattimento dei gas nocivi e una riduzione dei costi di esercizio, i costruttori si sono buttati anima e corpo nello sviluppo di motori, iniezioni, trasmissioni e elettronica sempre più raffinati. Il risultato sono emissioni zero per gli elettrici, o sotto i 100 gr di CO₂ per le grosse ibride o le berlinette a metano e GPL.

 

 

Le auto impegnate nello speciale sono state:

 

DS5 Blue Hdi Hybrid4 4×4 Airdream Sport Chich ‐ Fiat Panda Twin Airt  Natural Power Trekking – Mercedes‐Benz Classe‐B Electric Drive Executive ‐ Nissan e‐NV200 Evalia Tekna ‐ Peugeot 508 SW RXH Hybrid 4 ‐ Renault Twizy 80 Cargo ‐ Toyota Auris 1.8 ECVT Hybrid Touring Sports

 

 

Tra gli ospiti che hanno contribuito alla realizzazione del servizio:

 

Stefano Alessiani, Marketing Manager Hankook Tire Italia

Gabriele Allievi, Amministratore Delegato Bosch Italia

Paolo Lanzoni, Direttore Relazioni Esterne  Mercedes‐Benz Italia

 

 

Lo Speciale Green Town 2015 è stato realizzato con il supporto dei seguenti partner tecnici: Alcar

Italia (cerchi), Hankook Tire Italia (pneumatici), Diavolina (prodotti per il fuoco).

 

Un ringraziamento particolare viene rivolto a Bosch Italia che, oltre alla sua presenza costante, in occasione dello Speciale Green Town ci ha ospitati all’interno del suo quartier generale di Milano permettendoci di realizzare immagini inedite.

 

 

Come sempre il mensile Automobilismo e il portale PitstopAdvisor pubblicheranno un ampio servizio a riguardo oltre all’intero reportage fotografico.