In Evidenza
03/07/2019 - Volvo elimina la plastica
I robot Seabin
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Un sasso pesantissimo nello stagno dell’indifferenza ai problemi ambientali non l’ha tirato soltanto l’adolescente svedese Greta ricordando ai potenti della Terra che stiamo correndo il rischio di estinguerci. In misura minore lo sta tirando anche Volvo, costruttore di auto svedese in quota ai cinesi di Geely, che dalle parole è passato ai fatti.

Il primo round ha il nome Seabin, un dispositivo mangia plastica molto sofisticato di cui tre esemplari sono stati  installati a Marina di Varazze, Marina di Cattolica e Venezia Certosa Marina e stanno facendo alacremente il loro dovere in particolar modo nei porti dove risultano decisamente efficaci nella raccolta dei rifiuti galleggianti grazie all’azione dei venti e delle correnti. Un impianto, infatti, è in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, ovvero oltre mezza tonnellata di rifiuti all’anno, comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm, sempre più diffuse e pericolose, poiché abbinandosi al sale marino vengono ingerite dai pesci ed entrano nella catena alimentare umana.

Il secondo round si amplia ora grazie al contributo di alcuni dei concessionari più attivi della rete ufficiale Volvo in Italia con l’obiettivo di recuperare numerosi punti chiave dei litorali italiani.

L’impegno di Volvo nella tutela dell’ambiente è a 360 gradi e ovviamente riguarda anche le automobili che produce e che nel giro di pochi anni saranno in grado di inquinare il meno possibile grazie ai diversi gradi di sviluppo dell’elettrificazione. La casa svedese sa benissimo che la sfida a un futuro sostenibile si gioca su più fronti e coinvolge ogni aspetto che possa compromettere l’equilibrio del sistema di cui facciamo parte. Un’altra decisione presa dalla leadership, che va in questa direzione, sarà l’eliminazione dagli uffici e dagli stabilimenti di tutto il gruppo delle plastiche monouso che verranno sostituite da bicchieri, tazze, posate, involucri vari in materiale completamente riciclabile.

A Cura di: